Home Business Hotels Ristoranti Eventi Castelli 3D Tour Contatti

 

Sanmarinostate.com | Castelli | Castello di Acquaviva

 

mappa castello di acquaviva logo castello acquaviva cartina castello di acquaviva

Castello di Acquaviva

Il Castello di ACQUAVIVA. 

panorama del monte titanoLungo la strada che dal monte Titano Scende  verso l’abitato di Acquaviva, per un buon tratto, lungo un lato del monte stesso, lo sguardo è attratto dal selvaggio facsino della pineta di Montecerreto (458 metri s.l.m.), suggestivo parco naturalistico, protetto e intatto nelle sue caratteristiche boschive e flore faunistiche. E subito il pensiero corre all’antico forlizio, lassù posto, oggi non più esistente, appartenente allora ai signori di quelle terre, quei tali Conti di Montecerreto che esercitavano il diritto di pedaggio su chiunque attraversava il loro dominio, così incuneato nei territori sammarinesi. Furono le mura di quel castello che videro nell’ anno 885 stipulare il PLACIDO FERETRANO, primo documento della storia di San Marino che conferma l’esistenza della comunità sammarinese come Castello, Monastero e relativi fondi coltivati da una popolazione agricola assai densa. Questo diritto  di riscossione dei tributi venne, nel 1243, venduto a San Marino da Guido Lambertizio da Cerreto. Nel 1352 il fortilizio non esisteva già più ed oggi Montecerreto rientra nel distretto del Castello di Acquaviva, dove alle sue falde zampilla la vena d’acqua da cui tre nome il castello stesso.

Di Acquaviva si hanno memorie fin dal 1253. La sua sorgente era il nucleo da cove si diramava l’antico abitato e da dove si dirama tuttora, fin nei nuovi edifici: qui la leggenda vuole che il Santo Marino battezzasse con le limpide acque i suoi neofiti e che qui costruisse un piccolo luogo di culto, ricavato da un’edicola pagana dedicata a Mercurio. Una gran fontana a più bocche fu realizzata fin dai primi anni del novecento(vedi foto).   

Nel Castello di Acquaviva troviamo la sede della Centrale del Latte, il Mattatoio, la Ludoteca, un attrezzato impianto sportivo ed un poligono di tiro la cui impiantistica è in grado di soddisfare manifestazioni a livello olimpionico.

La festa del Castello si svolge nell’ultima domenica di Giugno e vengono celebrate due ricorrenze religiose di rilievo: la prima domenica di Maggio in onore di San Giuseppe lavoratore, al quale è dedicata la chiesa di Gualdicciolo; la seconda , della Madonna del rosario è l’effettiva festa parrocchiale di Acquaviva e cade la prima domenica di Ottobre.

Il Castello di Acquaviva è il limpido esempio di come l’amore per la natura  ed esigenze di progressovista castello di acquaviva residenziale possano armoniosamente conciliarsi: nei suoi poco più di quattro chilometri quadrati e mezzo di estensione si è cercato di non ledere le suggestive realtà naturalistiche e paesaggistiche presenti, così come si è cercato di  non creare realtà urbane svilite da una cementificazione selvaggia e disordinata. E ancora sovviene alla mente la sua antica fonte, le sue chiare acque, umili, preziose e serene come queste terre, paghe di sé e della loro antica libertà.


Immagini fotografiche estrapolate dal volume "I CASTELLI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO" edito nel 1999 della SEGRETERIA DI STATO PER I RAPPORTI CON LE GIUNTE DEL CASTELLO, L'A.A.S.P. E L'A.A.S.S., realizzate da GIUSEPPE MANCINI, PIERANGELO SAMMARITANI, ALBANO SGARBI.
Testi estrapolati dal volume "I CASTELLI DELLA RUPUBBLICA DI SAN MARINO" edito nel 1999 dalla SEGRETERIA DI STATO PER I RAPPORTI CON LE GIUNTE DI CASTELLO, L'A.A.S.P. E L'A.A.S.S., realizzati da PRIMO PESARESI.
 
Aziende | Hotels | Ristoranti | Eventi | Castelli | Viaggio virtuale | Informazioni | Storia | Lo sport | Foto gallery
 

Tutto il materiale in questo sito è copyright © TITANKA! Spa E' vietata la riproduzione anche parziale.
Sanmarinostate.com non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.